Laboratori vari - Ceas - Unione della Bassa Romagna

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home  / Proposte didatt...  / Ecomuseo delle...  / Laboratori vari  

Laboratori vari

 

 

 

Titolo attività: CONOSCI L’ECOMUSEO E LA CIVILTÀ PALUSTRE
Visita alla collezione permanente e all’etnoparco “Villanova delle Capanne”
Target di riferimento: scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado
Durata: 2 ore
Quota: € 2 (quota individuale)
Far conoscere e documentare le attitudini e i valori legati alla vita vissuta fra terra e valle.
La visita all’Ecomuseo si svolge seguendo un percorso che parte dalla proiezione di un video introduttivo alla storia del territorio e di Villanova, passando alla sala immersiva con proiezione su maxi schermo degli ambienti vallivi più belli del Parco del Delta del Po. Si prosegue nella “casa laboratorio” (ricostruzione dell’ambiente domestico locale) in compagnia di alcuni artigiani che intrecciano dal vivo vegetazioni spontanee, per poi passare alla collezione permanente con le sezioni espositive suddivise per cicli produttivi: legnami nostrani (pioppo e salice), canna, carice, giunco pungente, stiancia e giunco lacustre, capanni e nuove tecnologie dell’utilizzo della canna palustre.
La collezione comprende anche una sezione dedicata ai giochi di una volta (inizio Novecento e anni '50) e ai giochi costruiti con materiale di recupero. Il percorso si conclude con la visita all'etnoparco “Villanova delle Capanne”.

 

Titolo attività: SONO UN BAMBINO ROMAGNOLO
Target di riferimento: scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo grado
Durata: 2 ore
Quota: € 2 (quota individuale)
Portare il bambino a comprendere la condizione originaria del territorio romagnolo, l'antropizzazione e la cultura ad esso legate, favorendo lo scambio culturale nell’attuale società multietnica. Dialogo introduttivo finalizzato a riscoprire l’identità del proprio territorio, usi e costumi, feste e ricorrenze popolari,  artigianato, figure fantastiche, conte e giochi della tradizione locale. Si prosegue con la visita all'ambiente  domestico e la descrizione di cibi e manufatti che caratterizzano la terra di Romagna. Si passa poi alla sezione dei  giochi di una volta, concludendo la visita ai capanni.
Abbinabile ai laboratori: La mnëstra, Arte e pane, Giocare con niente.

 

Titolo attività: LA MNËSTRA
Il tagliere delle minestre dimenticate e della tradizione locale
Target di riferimento: scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo grado
Durata: 2 ore
Quota: € 2 (quota individuale)
Materiali di consumo: 2 kg di farina bianca e uova
Confrontare le abitudini alimentari attuali con la tradizione del tagliere romagnolo. Confrontare gli ambienti domestici attuali con le cucine e le utensilerie di un tempo e valutarne sprechi e risparmi.
Nell’angolo della cucina di inizio Novecento della “casa laboratorio” si presentano gli arredi e gli utensili utilizzati un tempo per la preparazione dei cibi e delle minestre, affrontando il tema della sapienza, della frugalità e della provenienza. Segue il laboratorio sulla realizzazione delle minestre tradizionali della Romagna nell’ampio locale della cucina conviviale. Muniti di taglieri e matterelli, cominciando dalla realizzazione dell'impasto e della sfoglia, si realizzano i vari tipi di pasta (come orecchie di gatto e cestine, forme di paste creative che le nonne realizzavano per i bambini) facendo distinzione fra le minestre ricche e quelle povere.
Il percorso sarà completato in classe realizzando un cartellone o una piccola dispensa con le minestre realizzate e la nomenclatura italiano e dialetto.
Possibilità di eseguire l’attività di laboratorio anche in classe.

 

Titolo attività: ARTE E PANE
Come l’argilla
Target di riferimento: scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo grado
Durata: 2 ore
Quota: € 2 (quota individuale)
Materiale di consumo: 2 kg di farina bianca
Stimolare la creatività e la manualità utilizzando materie nobili come l’acqua e la farina per realizzare un laboratorio pari all’arte ceramica, ma con metodo semplificato e ripetibile a casa.
Nell'ambiente domestico museale della “casa laboratorio” si illustra il ciclo dal grano al pane. Segue il laboratorio di manipolazione dell'impasto di acqua e farina nell'ampio locale della cucina conviviale. Utilizzando le mani, il matterello e altri attrezzi da cucina ciascun bambino potrà realizzare forme tipiche di pane, animali o forme di fantasia. Durante il breve tempo di cottura si visiterà l'Etnoparco “Villanova delle capanne” con la splendida cantina.
Possibilità di eseguire l’attività di laboratorio anche in classe.

 

Titolo attività: PASSEGGIANDO TRA NATURA E CULTURA
Itinerario naturalistico
Target di riferimento: scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado
Durata: giornata intera
Periodo: da marzo a maggio e da settembre a novembre
Quota: € 5 (quota individuale)
Far conoscere il territorio, gli usi e i costumi della Bassa Romagna, la gestione delle zone pinetali e vallive e la civiltà delle erbe palustri.
In mattinata visita alla collezione dell'Ecomuseo e al laboratorio delle tecniche ottocentesche sull'utilizzo dell'erba di valle, con possibilità di provare l’antico telaio verticale per la realizzazione delle stuoie e provare ad eseguire le corde vegetali. Il pomeriggio si prosegue con un'escursione nella zona valliva e pinetale ravennate: Pineta di San Vitale, Fossatone, Bassa del Pirottolo, Pialassa Baiona, barche e capanni da pesca. Su richiesta si può scegliere anche la foce del Lamone.

 

Titolo attività: LE CASE DEL TEMPO E DELLA NATURA
Target di riferimento: scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado
Durata: 2 ore o intera giornata
Quota: € 2 (quota individuale)
Far conoscere le tipologie di case e i materiali per uso abitativo impiegati dall'uomo nel corso del tempo, con particolare attenzione all'impiego della canna palustre, del legno e della terra, affrontando i temi della filiera corta e della bioedilizia.
Partendo dalle caverne preistoriche si affrontano le varie tipologie di abitazioni dell'uomo e i materiali impiegati nel corso del tempo fino ai giorni nostri, facendo dei confronti con le tane degli animali e i nidi degli uccelli. Si pone l'attenzione sul reperimento dei materiali e sulle loro caratteristiche, analizzando in particolare la costruzione dei capanni in canna. Visione del filmato “I capen” e visita alle sezioni museali dedicate alla canna e ai suoi utilizzi moderni in bioedilizia. Si conclude la visita ai capanni dell'etnoparco, evidenziando le caratteristiche antisismiche, termiche, la biodegradabilità e il senso estetico di queste costruzioni tipiche del territorio ravennate.
Per chi sceglie l’opzione intera giornata: laboratorio di costruzione di un graticcio in canna palustre.

 

Titolo attività: GIOCARE CON NIENTE
Il vero giocattolo didattico è il gioco che non c’è
Target di riferimento: scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo grado
Durata: 2 ore o intera giornata
Quota: € 2 (quota individuale)
Confrontare il modo di giocare dei bambini d'inizio Novecento e degli anni ’50 con quello attuale, sottolineando che un tempo gli adulti non interferivano nelle regole e nell'organizzazione dei giochi che i bambini gestivano in modo autonomo socializzando col gruppo.
Visita alla sezione dei giochi di una volta con osservazione di giocattoli inventati e creati utilizzando materiali naurali (legnami, cortecce, foglie...) e materiali di recupero (camere d'aria, carta, barattoli...), facendo comprendere che un tempo i bambini erano veri e propri esploratori dell’ambiente alla ricerca del necessario per costruire i loro giochi. A seguire laboratorio di “prova dei giochi” nella ludoteca naturale.
Per chi sceglie l’opzione intera giornata: costruzione di giochi realizzati con carta riciclata, tovaglioli, barattoli, bottiglie e rami. In alternativa: realizzazione di scarpe fiorite, giardini da tavolo oppure attività legate a festività e ricorrenze della tradizione romagnola (maschere di Carnevale, presepe di patate, acqua di San Giovanni).
Possibilità di eseguire l’attività di laboratorio anche in classe e di realizzare un progetto di continuità includendo “I diritti naturali dei bambini”.

 

Titolo attività: MANI CHE INTRECCIANO
Laboratorio di lavorazione delle erbe palustri
Target di riferimento: scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado
Durata: 2 ore
Quota: € 2 (quota individuale)
Imparare i primi rudimenti di intreccio e manipolazione delle vegetazioni spontanee.
All'interno della “casa laboratorio” del museo si illustrano l'ambiente e le attrezzature di lavoro impiegate per la lavorazione delle erbe palustri. Il laboratorio comincia con l'utilizzo dell’antico telaio verticale, impiegato per la realizzazione delle stuoie, e l'esecuzione di corde vegetali. A seguire, nell'ampio locale della cucina conviviale, si procede con la realizzazione di uno stuoino da bicicletta (che ciascun bambino potrà portare a casa) spiegandone l'utilizzo, le erbe impiegate e le modalità di lavorazione .
Questo laboratorio va prenotato per tempo perché oltre al reperimento della materia prima serve la presenza di molti esperti. Possibilità di eseguire l’attività di laboratorio anche in classe.

 

Titolo attività: L’ACQUA PREZIOSA NELLA TRADIZIONE LOCALE
Target di riferimento: scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo grado
Durata: 2 ore o intera giornata
Quota: € 2 (quota individuale)
Confrontare gli impieghi domestici dell’acqua nel corso del tempo quando questo bene prezioso non arrivava nelle nostre case tramite rubinetto.
L’inizio del percorso avviene nell'ambiente domestico museale della “casa laboratorio” dove si presentano i vari utilizzi dell’acqua: da bere, per la cottura, per il lavaggio dei piatti, per i vari servizi igienici e per il bucato, che avveniva senza l’impiego di detergenti, ma con l’uso della cenere domestica e del sapone fatto in casa.
A seguire, visita ai servizi igienici e allo stagno dell’Etnoparco “Villanova delle capanne”.
Per chi sceglie l'opzione intera giornata: svolgimento del laboratorio del ciclo del bucato, al termine del quale ciascun bambino potrà portare a casa un vasetto di “ranno” profumato.